Movimento artistico “Astractura”, Fabio Massimo Caruso tra gli artisti delle esposizioni di Ercolano (Napoli) e Benevento

Partitura n°2 in esposizione alla Rocca dei Rettori – Sale medievali a Benevento

L’opera “Partitura n°2″ in esposizione alla Rocca dei Rettori – Sale medievali a Benevento

Dal 10 dicembre 2017, Fabio Massimo Caruso è entrato a far parte del movimento artistico Astractura, partecipando nei primi mesi del 2018 alle sue esposizioni ad Ercolano (Napoli) e Benevento: “I temi di Astractura e la Sensibilità astrattista”, Scuderie Reali di Villa Favorita di Ercolano (link Facebook); “Astractura e le sue ragioni”, Arte Studio Gallery, Benevento (link Facebook); “Testimonianze storico-artistiche”, Rocca dei Rettori – Sale medievali, Benevento (link articolo).

Il movimento artistico Astractura

Astractura, movimento fondato da Rosario Pinto conta, ormai, già quasi dieci anni di vita, ed opera nell’ambito dell’Astrazione Geometrica.
Le parole d’ordine di Astractura sono tre: Linearismo, Cronotopia, Cinestetismo e valgono come punti di orientamento alla cui stregua si possa procedere alla messa in campo di un progetto creativo che possa valere non soltanto come dato artistico, ma anche come suggerimento di una ‘visione del mondo’, come, cioè, un ordinamento di pensiero che ambisce a rendere la pratica artistica, in un certo senso, una pratica ‘diversamente filosofica’.
Conviene aggiungere che Astractura non rimane chiusa in se stessa: si apre all’esperienza multipla e diversificata nell’ambito della temperie astrattista, procedendo a porsi come via ecumenica ed inclusiva nei confronti delle varie scansioni astrattiste che caratterizzano questa particolarissima branca dell’arte contemporanea. Procede, inoltre, Astractura a valorizzare il ruolo del fruitore, chiamandolo, in modo propositivo, ad avere parte attiva nel processo estetico.
Gli artisti del Movimento Astractura: Maurizio Bonolis, Rosario Buccione, Francesco Gallo, Antonio Minervini, Angelo Bellani, Carmen Novaco, Salvatore Starace, Fabio Massimo Caruso, Lucia Di Miceli, Salvatore Giunta, Lorenzo Bocca, Michele Marzo, Helena Dombrowska.

Astractura is a movement founded by Rosario Pinto, which now counts almost ten years of life and operates in the field of Geometric Abstraction.
Astractura buzzwords are three: Linearism, Chronotopia, Cinestetism and are valid as orientation points to which we can proceed with the creation of a creative project that can not only be used as artistic data, but also as a suggestion of a ‘vision of the world’, that is, an order of thought that aims to make artistic practice, in a certain sense, a ‘differently philosophical’ practice.
It should be added that Astractura does not remain closed in itself: it opens up to the multiple and diversified experience in the abstractist temperament, proceeding to act as an ecumenical and inclusive way towards the various abstractionist scans that characterize this very particular branch of contemporary art. Astractura proceeds to enhance the role of the user, calling it, in a proactive way, to have an active part in the aesthetic process.
The artists of the Astraculture Movement: Maurizio Bonolis, Rosario Buccione, Francesco Gallo, Antonio Minervini, Angelo Bellani, Carmen Novaco, Salvatore Starace, Fabio Massimo Caruso, Lucia Di Miceli, Salvatore Giunta, Lorenzo Bocca, Michele March, Helena Dombrowska.

Email: fabio.massimo.caruso@alice.it
Tel.: +39 3387280261